Lettura abusiva Lire 10

un blog di Alessandro Nasini

Invendibile campionario da spiaggia

Ero a Fregene in spiaggia la settimana scorsa. Il figlio più piccolo mi aveva regalato da poco una bella macchia di gelato sulla mia camicia bianca incautamente lasciata sul lettino. Un inutile tentativo di smacchiatura "... usa l'acqua minerale..." aveva prodotto un ulteriore disastro. Avrei pagato il doppio o il triplo del suo valore di mercato per una maglietta pulita, visto il progetto di rimanere a cena in spiaggia con amici.

E invece è passato di tutto, venditori senegalesi, marocchini, egiziani, cinesi mi hanno offerto ogni genere di mercanzia: collanine, occhiali, cappeli, parei, sottopiede in misto-cotone, aquiloni, sculture il legno, libri di cucina e fiabe africane, pistole sparabolle, bikini, piante di plastica con uccellino canterino a batteria, sfere multicolori per illuminare cene romantiche, finti rolex, finti omega, finti braccialetti powerqualcosa per curare ogni malattia nota, cerotti magici e - ovviamente - copriletto matrimoniali per quando tornerà il fresco. Una maglietta pulita con un disegnino invece no, nulla da fare.

Ho visto una umanità multirazziale, carica come muli delle proprie paccottiglie, fare avanti e indietro sulla spiaggia per ore senza vendere un solo pezzo dei quintali di roba trasportata. E mi sono domandato, intanto che riprovavo a smacchiare il cioccolato, chi fosse il genio che crea l'invendibile campionario di tanta povera gente.

Altra multa da 38 euro con lo scooter

Dopo un'ora nel traffico di Roma con lo scooter, dopo un altro quarto d'ora che giravo senza successo intorno alla Galleria Alberto Sordi in cerca di un parcheggio, ho ceduto alla disperazione (ed alla temperatura interna del casco) ed ho parcheggiato occupando (anche) un pezzettino di una zona di carico e scarico. Tornato mezz'ora dopo ho trovato una multa di 38 euro. Il vigile stava continuando a multare motorini pochi metri più lontano: aveva già fatto almeno una trentina di multe e non sembrava intenzionato a smettere.

Ho preso la mia multa, sono andato dal vigile e con tutta la calma (residua) della quale sono stato capace gli ho fatto le mie rimostranze per una sanzione che, se anche formalmente giusta, era sproporzionata rispetto al crimine commesso. Gli ho anche fatto presente che ben tre micromacchine erano parcheggiate "al posto dei motorini", facendo fuori di fatto una decina di posti riservati alle due ruote.

Il vigile sembrava non aspettasse altro da mesi. Con una gentilezza ed un garbo inaspettati (dico sul serio) mi ha spiegato che le micromacchine sono ad oggi (ed a tutti gli effetti) dei ciclomotori e pertanto hanno tutto il diritto di parcheggiare negli spazi per le due ruote. Ha continuato spiegandomi che la inusuale "retata" era la conseguenza dell'esposto fatto da un commerciante della Galleria Alberto Sordi che aveva (alle 11 di mattina) trovato (povero amore...) difficoltà nel parcheggiare nell'area di carico-scarico. Detto questo il gentile vigile ha proseguito per una decina di minuti sfogandosi delle difficoltà del suo incarico, del fatto che per arrivare al lavoro deve prendere due rami di metro e due autobus, che Roma era fatta per (poche) carrozzelle, che mi capiva perfettamente ma non aveva potuto fare altro che multarmi (visto l'esposto presentato dal commerciante), che Roma era un inferno.

Se i collega del vigile con cui stavo parlando non lo avesse quasi trascinato via saremmo finiti a prendere l'aperitivo insieme, forse saremmo diventati amici: la sensazione di essere entrambi (da posizioni diverse) tragicametne nella stessa barca è stata forte. Un barca alla deriva probabilmente, e certamente destinata a frantumarsi sugli scogli se qualcuno non ne prenderà il comando essendone capace.

C'è nessun amministratore pubblico in ascolto che se ne intende di remi e timoni?

Arriva The Prisoner su FX

Ero piccolo, non riesco a ricordare quanto, ma ricordo bene  che il televisore di casa - un glorioso Grundig da 17 pollici - era in bianco e nero.

Nel bianco e nero, quella grande palla bianchissima e floscia era terrificante. Più la libertà del prigioniero sembrava ad un passo dal compiersi piuù odiavo il momento in cui la maledetta palla bianca e sgonfia faceva naufragare la mia speranza inghiottendolo.

Al
Roma Fiction Fest ho assistito alla prima del remake che dal 22 luglio andrà in onda su FX (il canale 119 di Sky) e che avrà come protagonista Jim Caviezel, il gesu' di The Passion di Mel Gibson. Le atmosfere sono parecchio diverse, alcuni spunti strizzano un po' l'occhio a Lost, ma se devo valutare dai primi due episodi che ho visto, si preannuncia molto godibile. Sono molto curioso delle "voci" della versione italiana, ma consiglio di seguirlo in inglese perché dubito sarà possibile eguagliare alcuni toni della voce di numero 2.  che come odiavo allora, odierò adesso.

Roma 2010-2020, nuovi modelli di trasformazione urbana

L'8 e il 9 aprile il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, organizza una conferenza cittadina che coinvolgerà le più alte personalità dell'urbanistica e dell'architettura internazionale. Il primo giorno sarà dedicato al riutilizzo delle aree dismesse della città storica e il secondo alle periferie.

Il tema mi interessa molto ed andrò a vedere che aria tira, con la manifesta speranza di ascoltare idee e proposte progettuali e non battibecchi tra archistar. Il rischio è altissimo, ma voglio essere ottimista.

Il programma dettagliato lo trovate qui: http://www.comune.roma.it/was/wps/portal/pcr?menuPage=/&targetPage=/Homepage/Area_Content/Primo_Piano/info-1861302397.jsp

Votare è troppo facile

Ogni volta che vado a votare ho la sensazione che farlo sai troppo facile: entri, lasci tessera elettorale e documento, posi il telefonino, prendi scheda e matita, entri in cabina, esprimi il tuo vuoto, esci dalla cabina, imbuchi ed in due minuti totali sei fuori. Anche meno.

Nessun registro da firmare, nessun rito, troppo rapido: il voto è una sorsata al volo, non una degustazione meditata. E come tutte le cose troppo rapide o troppo gratuite diventano scontate, quasi insignificanti.

Mi rendo conto che sembra un discorso da vecchio citrullo un po' nostalgico, ma forse no...