Lettura Abusiva Lire 10

un blog di Alessandro Nasini

Ho visto l'Etna con la neve.

 

Non tornavo a Catania da più di vent'anni, forse qualcosa in più. So di aver vissuto a Messina ed Augusta da piccolo ma non ne ho ricordo. Ho ricordi invece molto nitidi di due vacanze siciliane, una delle due in Vespa. Arrivare a Catania mi ha fatto un effetto stranissimo, che faccio fatica a descrivere. Ero quasi commosso, certamente emozionato.

Dieci minuti dopo l'atterraggio e dopo meno di cinque minuti per ritirare il bagaglio imbarcato stavo già guardando l'Etna innevato come un bambino piccolo guarda l'arcobaleno. Peccato il tempo fosse così così.

Mezz'ora più tardi ero in albergo che preparavo la borsa con le Nikon, pronto ad affrontare un pomeriggio in giro per la città: volevo guardare più cose possibile e registrarle, non avevo molto tempo. Mi sono fatto mezzo lungomare a piedi, quel lungomare che ricordavo pieno di palme bellissime, troppe delle quali assassinate dal punteruolo rosso, ho comprato i biglietti per il bus e sono andato in giro per un'ora per guardarmi intorno e origliare i discorsi dei catanesi. Ho ascoltato e fotografato e, devo confessarlo, masticato parecchio: un arancino al ragù, una cipollina, due cannoli piccoli, tutto in bar differenti. Non per ingordigia, avevo voglia di assaggiare Catania come faccio sempre in ogni luogo dove vado. Qualcuno disse che le persone sono quel che mangiano e credo che i catanesi non facciano eccezione, confermano la regola, anzi ne scrivono una tutta loro.

 

Catania è sempre bellissima, non saprei dire esattamente perché, un po' come quelle belle donne che viste pezzo per pezzo, naso, occhi, bocca non ti colpiscono ma che nell'insieme ti fanno innamorare. La bellezza di Catania è fatta di un muro di un vicolo, della ringhiera di un balcone, di un taglio di luce, di un banchetto di fiori, della facciata di un palazzo e del gradino di una chiesa e nel suo complesso innamora. Non sono certo i catanesi se ne rendano veramente conto, come accade pari pari a noi romani, finchè da Catania non vanno via. 

I catanesi, rispetto al mio ricordo, li ho trovati molto meno solari e non era per la settimana di brutto tempo appena passata. Temo che il brutto tempo duri da un po', certamente da troppo. Il tassinaro che mi ha riportato in albergo (ho dimenticato di chiedergli il termine catanese) era parecchio arrabbiato. Era arrabbiato con il traffico, era arrabbiato con le macchine in doppia fila, era arrabbiato con le cartacce, era arrabbiato con il sindaco attuale e con i dieci precedenti. Ho tentato un "come da noi a Roma" ma non è servito a molto. Ha proseguito infervorandosi e parlando di spiagge mal collegate con la città, di parcheggi mai inaugurati, di regole mai rispettate. Caspita, spiagge a parte, ma ero a Catania o a casa mia? L'Italia è lunga e diversa, ma le cose malate sono sempre le stesse. Finchè si sta a casa propria l'assuefazione rende la cosa meno dolorosa, quando le ritrovi altrove ti ritornano in mente di botto e ti bruciano di nuovo.



La mattina dopo ero agli Stati Generali dell'Innovazione, ed era una giornata fantastica. Il sole era pieno, l'aria pulita, il bianco accecante ed i colori bruciati dal riverbero così deve essere. La tentazione di scappare da Palazzo Platamone per tornare in giro per la città è stata fortissima ma ho resistito: il motivo per cui ero a Catania era serio e l'ospitalità del Comune andava onorata.

Ho ascoltato tutti gli interventi, friendfeeddando gli spunti che mi sono parsi al momento più interessanti. Per chi volesse, il tag è stato #innovaCT per Friendfeed. e Twitter. La cronaca della giornata e degli interventi la trovate sul blog di Catepol, digita a quattro volte la mia velocità ed è stata puntualissima nel prendere appunti e riportare la cronaca meglio di quanto potrei mai fare io qui.

Mi interessa invece ragionare ad alta voce, una sorta di ripasso, su quello che ho visto e sentito durante la giornata e magari sottolineare alcuni aspetti positivi ed altri meno.

Ho visto due sale, una "istituzionale" e l'altra del Barcamp, ed erano in due piani diversi. L'istituzionale al primo piano, nella sala grande ed il barcamp al pian terreno, in quella piccola. Non lo avrei fatto: non c'è stata fusione e non c'è stat contaminazione ed è stato un peccato. Chi ha partecipato ai panel istituzionali non ha potuto seguire i progetti presentati e invece gli avrebbe fatto un gran bene. Lo dico sinceramente: mentre le istituzioni ripetevano "fatevi avanti con dei progetti" al piano di sotto c'era chi i progetti provava a presentarli. Qualcuno più realista magari, altri più strampalati, ma il fuoco ardeva al pian terreno, non al piano nobile. Lo stesso errore l'han fatto i barcampisti, mi spiace dirlo, che con poche eccezioni hanno dedicato meno attenzione alle cose dette al piano di sopra di quanta ne meritassero. La buona volontà era percepibile e, archiviando qualche loop autoreferenziale di troppo come incidente di percorso, la sostanza c'era ed i soggetti con cui quagliare, pure.

Ho sentito il Sindaco Stancanelli ripetere più volte durante la mattinata un invito a cominciare dai "progetti a costo zero". Posso capire che se avesse detto "abbiamo soldi a secchiate" sarebbe stato più emozionante, però anche il realismo ha il suo valore. Ad esempio, riscrivere le regole di una comunità può essere un primo passo a costo zero. Sono certo che il tassinaro arrabbiato sarebbe ben disposto a constribuire alla scrittura: niente sosta in doppia fila e basta cartacce per terra. Troppo semplice? Utopistico? Forse si, ma magari no.



Gli amici catanesi mi dicono che a Catania ci sono anche cose che funzionano, o che perlomeno funzionano meglio che altrove: ad esempio l'Università. Mi risulta che la qualità dell'insegnamento sia buona e che ne escano dei buoni laureati. Non è tutto, ma è molto. Manco a farlo apposta, Economy di questa settimana pubblica un Dossier Sicilia intitolato "L'isola che c'è". Si racconta nel dossier di problemi gravissimi e di storie di ripresa, di speranze tradite e di progetti emozionanti. Chiedo agli amici catanesi di valutarne l'attendibilità, ma a me gli spunti quadrano.

Quadrano con quello che ho visto e sentito agli Stati Generali dell'Innovazione, quell'innovazione che non può non partire dal rendersi conto di quali sono gli "asset non duplicabili", una espressione un po' roboante per dire quali sono le cose cha a Catania ci sono, in Sicilia ci sono ed altrove no. Io ho visto, annusato ed assaggiato un sacco di asset: un mare pazzesco, un sole che quasi cuoce già a marzo, gente bellissima e orgogliosa, dolce e salato per il quale qualsiasi nordico (decidete voi quanto a nord) impazzirebbe. Solo per partire da quelli talmente evidenti da diventare invisibili. Invisibili ad un catanese, non ad uno che arriva da fuori.

Un città nella quale autunno e inverno è solo un breve incidente che segue all'estate e precede la primavera è una città dove può essere fantastico fare un sacco di cose; la creatività e la voglia di innovare - davanti ad una granita di gelsi - può esplodere di risultati inimmaginabili altrove. Ci sono un sacco di persone che ci stanno provando, qualcuno già ci riesce, molti vanno convinti che tutto è possibile.

Sono speranzoso che il maledetto insetto rosso si troverà il modo di debellarlo e le palme presto torneranno. 

Storie di polpette e castagnaccio

Quando ero piccolo, diciamo intorno agli 11/12 anni, scoprii che mi piaceva cucinare. Come mia mamma usciva per delle commissioni, io veloce come un fulmine tantavo di produrre improbabili dolci e biscotti. Sorvolerò per pudore sulla qualità dei risultati e sulla incapacità di nascondere le tracce (soprattutto di farina) che lasciavo in cucina.

Mia mamma cucinava e cucina molto bene: se non avete mai assaggiato le sue polpette al sugo è come se non aveste mai mangiato polpette. Non è solo un fatto di sapore e di sapidità, è la consistenza che è unica. Gli ingredienti li conosco bene, gliele ho viste preparare centinaia di volte ed anche io le ho fatte decine di volte. Le mie vengono buone, ma le polpette di mia mamma rimangono un traguardo culinario irraggiungibile.

Con il castagnaccio ho lo stesso problema. Non con la ricetta di mia mamma (che non ha mai amato preparare i dolci) ma con quella di mio papà che adorava il castagnaccio pur essendo abruzzese. Credo di averglielo visto fare due/tre volte in tutto ed è forse l'unica cosa cucinata da mio papà che riesco a ricordare, oltre le trote al cartoccio (mia mamma ha sempre odiato il pesce, figuriamoci cucinarlo).

Oggi ci ho riprovato - avevo comprato della farina di castagne qualche tempo fa - e l'aspetto non è male. Anche il profumo ha un suo perché e la consistenza (alla prova stecchino) è gommosa al punto giusto. Vi saprò dire del sapore, ma già so che dovrò continuare nei prossimi anni le mie sperimentazioni.

Polpette e castagnaccio, polpette e castagnaccio...

Ignite, una iniezione che consiglio a tutti.

Bella serata ieri sera all'Antù dove si è svolto il primo #Igniteitalia del 2010 organizzato da Elastic di Nicola Mattina.

Formula secca, che lascia poco spazio agli errori: 5 minuti, 20 slide (non una di più, non una di meno) per parlare di un argomento a propria scelta. Non ce ne è per nessuno e non si fanno prigionieri: se le slide sono slide ben fatte, il tema interessa, l'oratore è sveglio, quei cinque minuti sono un successo. Se una sola delle componenti fallisce, c'è da sperare che gli ortaggi lanciati siano almeno a Km zero (vista la sede che ha ospitato l'incontro). Naturalmente scherzo... ma forse nemeno tanto.

Parlo in pubblico da vent'anni (dico venti così mi tolgo qualche anno...), parlavo di un tema - quello degli eBook - su cui lavoro da quindici, eppure qualche refuso sulle slide c'era, su alcune slide sono arrivato lungo e su un paio troppo corto. In attesa di scoprire in quale pozione è caduto da piccolo Davide Bennato (mi aspetto un giorno di vederlo condensare 40 slide i 3 minuti, compresa la pausa caffè...) penso mi allenerò meglio per il prossimo Ignite. Le sfide sono sempre stimolanti.

Consiglio vivamente a tutti di fare lo stesso. Chi non ha un argomento che lo appassiona e che vorrebbe condividere? Un progetto, un ricordo, un'idea, un appetito: non importa cosa, importa solo che sia una cosa vostra. E che entri in 20 slide e 5 minuti.

Ci vediamo al prossimo Ignite.

No, non più, il nostro sito web non è aggiornato

Provate a scoprite che per entrare nel locale dove state per andare a bere qualcosa ed ascoltare musica dovrete fare una tessera club mensile da 10 Euro. Provate ora a leggere nella pagina "Convenzioni" deL sito web del locale dove state per andare, che se avete la tessera di una nota catena di librerie o di un'altra dozzina di associazioni assortite avrete lo sconto del 30% sulla tessera da 10 Euro e ne pagherete quindi solo 7. Provate a leggere, nella stessa pagina, che se siete titolare della card di un'altro network convenzionato l'ingresso sarà gratuito e non dovrete pagare alcuna tessera mensile. Molto bene.

Ora presentatevi al locale, esibite la vostra card certi che  - come detto chiaramente sul loro sito web - vi faranno entrare senza pagare i 10 o 7 euro e invece sentirvi dire "il sito non è aggiornato, al massimo posso farvi lo sconto del 15% sulla tessera mensile". Ci rimarreste male.

Ci rimarreste male esattamente come quando vedete un prezzo esposto nella vetrina di un negozio ed al momento di pagare vi viene chiesto un prezzo più alto. In quel caso potreste far notare che esiste una precisa normativa che obbliga i commercianti a praticare il prezzo esposto in vetrina, anche in caso di errore. In caso di diniego avreste tutto il diritto di chiamare i Vigili, se non addirittura la Finanza.

Ieri sera mi è capitato proprio di presentarmi all'Alexanderplatz con la Priority Club Rewards di cui sono titolare e che avrebbe dovuto consentirmi l'ingresso gratuito e sentirmi rispondere "il sito non è aggiornato, al massimo posso farvi lo sconto del 15% sulla tessera mensile". Ero in compagnia di amici, non volevo rovinare la serata a nessuno: ho fatto presente alla cassa che il programma dei concerti era invece aggiornato, che la cosa non faceva per nulla onore al locale, ma ho pagato i miei 8,50 Euro (10 Euro sconto 15%) e non ho chiamato nessun Vigile. Però ci sono rimasto male. Con un certo senso di fastidio, come quando alla cassa di un negozio battono uno scontrino diverso dal prezzo esposto in vetrina. 

Evoluzione: Darwin aveva ragione.

La teoria dell'evoluzione come ce l'hanno raccontata a scuola è una stupidaggine. Ora vi racconto Darwin in poche parole, diverse da quelle ascoltate a scuola.

Alle giraffe non si è allungato il collo per arrivare ai germogli più verdi a furia di sforzarsi. Le giraffe avevano quasi tutte il collo di lunghezza normale, più o meno come quello dei cavalli. Più o meno. Qualche giraffa, casualmente, ha cominciato a nascere con il collo lungo per una mutazione genetica. Quando i germogli hanno cominciato a scarseggiare, le poche giraffe con il collo lungo sono riuscire a sopravviere mangiando le foglie più alte ed a riprodursi, quelle normocollute no. Fine delle giraffe con il collo normale.

Ieri, nel traffico romano delle cinque del pomeriggio, sono rimasto colpito da un negozio di barbiere che non ricordavo di aver visto prima. Vi dico nell'ordine cosa mi ha colpito: grosso cartello con scritta nera su fondo giallo appesa in vetrina "taglio capelli 8 euro", maxi-schermo da 46 pollici sulla parete opposta alla vetrina, doppio divanetto Ikea con sedute 6 persone in attesa che guardavano la tv, pareti riverniciate di fresco di un bel giallo caldo.

Dal barbiere dal quale vado da vent'anni, il taglio di capelli costa 12 euro. Non ha il maxi-schermo. Non ha quasi mai gente in fila. Non ha le pareti riverniciate di fresco.

Non ha nemmeno il collo molto lungo.


Più furbi "noi", più verdi "loro".

da www.GREENTERNET.info

Ci stiamo facendo furbi, ed era ora. L'etichetta è bella verde, di un bel verde prato, e lo sfondo è verde scuro, verde bosco. Un anno fa avremmo messo la confezione nel carrello, soddisfatti ed appagati. Ora però stiamo diventando più esigenti, leggiamo anche le cose in piccolo, piccolissimo, vincendo la pigrizia o la stanchezza della spesa fatta alle sette di sera.

Non ci basta più sapere che quell'energia elettrica è verde perché prodotta compensando con un po' di alberi piantati da qualche parte: quanti alberi? Di quale essenza? Dove esattamente? In Liguria o Costarica? Ma dopo averli piantati vengono annaffiati e accuditi o dopo due anni diventano compensato per mobili? Non ci fregate più, siete avvertiti.

Non sappiamo se sia frutto della natura scanzonata e scettica degli italiani, ma le fregature diventa sempre più difficile darcele senza pagarne le conseguenze, al supermercato come al contatore. E non vale solo per l'Italia, la tendenza è diffusa.

Molte aziende se ne fanno una ragione ed accettano la sfida con questa nuova specie di consumatori attenti ed informati, talvolta addirittura coinvolgendoli nelle specifiche del prodotto e nel controllo della qualità. Il nuovo paradigma è vantaggioso per tutti: il consumatore acquista con maggiore fiducia ed anche in tempi di congiuntura non positiva è disposto a spendere qualcosa in più, così il margine può salire leggermente e ripagare l'impegno.

Per ora solo segnali, intendiamoci, non comportamenti di massa. I consumatori disattenti sono ancora moltissimi, così come molte sono le aziende convinte che tenendo costante la qualità ed abbassando i costi ce la potranno fare. Forse a sopravvivere ancora per un po', non certo a crescere.  I fatti stanno dicendoci che quelli che perdono terreno sono i prodotti mediocri (non solo quelli cinesi) ed i servizi così così. Tengono e crescono servizi e prodotti che possono farsi conoscere per un passa-parola positivo, quelli confrontabili con chiarezza, quelli con la garanzia lunga ed il servizio post-vendita efficiente.

Proprio in questi giorni, nel settore automotive come nell'abbigliamento o nell'alimentare, leggiamo di "errori" fatti nella progettazione, nell'approvvigionamento, nella produzione di beni di largo consumo. Vediamo anche aziende che ammettono le proprie colpe pubblicamente anche prima di "essere scoperte" e cercano di porvi rimedio senza tentennamenti limitando il più possibile i danni per il consumatore. Qualche anno fa avrebbero avuto comportamenti così corretti? Difficile fare paragoni, ma quanti di noi si sono tenuti il sedile dell'auto che cigolava da nuovo, i freni gommosi o la maglietta che - di puro cotone - irritava lo stesso la pelle? Forse, non volgiamo essere troppo ottimisti, il tempo dei cigolii e delle irritazione è finito.

iPad o Slate, questo è il dilemma...

Hp ha fatto per prima l'annuncio del suo Slate, Apple ha dato per prima una data di rilascio per iPad.

Dei due tablet so ancora troppo poco per farmi un'idea di quale sarà il migliore. Sempre che siano dispositivi realmente confrontabili, cosa tutta da vedere.

Certo l'impazienza c'è, finalmente.  Non mi capitava da un bel po', positivo e negativo del fatto di lavorare da tanti anni nell'IT.

Entrando e Uscendo mi Manca l'Aria

Non fumo. Non ho mai fumato. Non attivamente almeno. Di fumo passivo ne ho subito per una vita, a casa come a scuola, all'universita e sul lavoro.

Non trovo che fumare sia un diritto, non in pubblico almeno e non dove a portata di fumo o di odore di fumo ci sia un non fumatore. Tanto al chiuso quanto all'aperto.

Trovo invece sia un diritto riuscire ad entrare ed uscire da un centro commerciale senza sentirsi mancare l'aria nell'attraversamenteo della zona di ingresso. E' quello che succede ormai da qualche tempo, in quasi tutti i nuovi centri commerciali, all'interno dei quali è ovviamente vietato fumare. Agli ingressi si concentrano ormai decine di persone per l'ultima sigaretta prima di entrare e la prima una volta usciti. In queste aree di accesso, quasi sempre chiuse su tre lati e dal tetto l'aria è letteralmente irrespirabile.

Faccio seriamente fatica a capire come chiunque, anche il fumatore più incallito, possa trovare piacevole rimanere alcuni minuti in quella specie di ghetto per tossici.

Anno Nuovo, primo proposito: mettere in ordine.

Primo giorno veramente lavorativo del 2010. Primo proposito dell'anno: non arrivare a fine 2010 accumulando la stessa quartità di carte, appunti, post-it e "cose importantissime che devo leggere lo farò più tardi" che poi impilo senza leggerle come nel 2009.

Da stamani sto mettendo in ordine carte, cavi, cavetti, cd, chiavette usb, device assortiti, memorie flash, nastri dv in ordinatissimi contenitori SAMLA, queli trasparenti dell'Ikea. Per adesso il risultato è vedere moltiplicato per 6 il volume necessario a contenere il tutto.

Non sono troppo ottimista sul risultato, almeno dal punto di vista visivo. Chi passa davanti alla mia stanza mi guarda tra il divertito ed il compassionevole. Vedremo come andarà a finire.