Lettura abusiva Lire 10

un blog di Alessandro Nasini

Venuto dal mare...

Ho sempre avuto una passione per le cose che arrivano dal mare e si accumulano sulla spiaggia. C'è tutto un mondo, fatto di pezzi di plastica, rottami, legni, reti da pesca e lenze. Ogni pezzetto potrebbe raccontare una storia, magari vecchia di decenni.

A Napoli c'è molto da fare, a cominciare dal casco in moto.

Mancavo da Napoli da un anno esatto, ci sono tornato per una toccata e fuga. Sono arrivato in treno, come la volta pecedente, trovando finalmente la Stazione Centrale con i lavori quasi finiti.

Ho preso un taxi anziché arrivare a piedi a Largo San Marcellino come avrei voluto, ma diluviava.

Per arrivare a destinazione, il tassinaro ha fatto un giro che nemmeno fossi stato giapponese avrei meritato. Però nel frattempo parlava e si lamentava e volevo sentire e vedere: il tratto da 5 euro è diventato di 10, ma va bene lo stesso.

Napoli è sempre bellissima ed il passaggio in taxi per i vicoli me lo ha confermato - se mai ce ne fosse stato bisogno - ancora una volta. Nonostante la pioggia battente, ho visto molti turisti in giro e la cosa mi fa molto piacere. Bene per Napoli che ne arrivino ancora, che ne arrivino di più.

Quello che non va bene per niente, che non è cambiato per niente, è la sensazione di fastidio che ho provato un anno fa ed ho riprovato ieri nel vedere più della metà di moto e scooter guidati da conducenti senza casco. E' una sorta di sfregio alle regole ed alla legalità che trovo francamente insopportabile, quasi un insulto. Non ci sono scuse per chi non idossa il casco, non ci sono scuse per chi non fa rispettare la legge.

Ora Napoli ha un nuovo sindaco, un (ex) magistrato, un uomo di legge. Voglio proprio vedere se e come riuscirà a far mettere e tenere il casco ai napoletani che vanno in moto. Se non lo farà, se non ci proverà in ogni modo, se non ci riuscirà, il resto saranno chiacchiere.

Quarantanove

Oggi alle 06:45 ho compiuto quarantanove anni, già... -1 ai cinquanta.

Come tradizione da molti anni, festeggerò il mio compleanno con una giornata di lavoro euforico e forsennato (a me prende così...) e poi me ne andrò a cena ad un buon giapponese con moglie e figli.

I festeggiamenti con gli amici, e relative candeline, li farò in giardino con una mega-festa appena il tempo si sarà stabilizzato. Siete tutti invitati sin da ora,

Maledette cornacchie

Già non le amavo, le cornacchie, uno degli uccelli più brutti che conosco. Da tre-quattro giorni ho cominciato ad odiarle, da quando - alle prime luci del'alba - hanno cominciato a svolazzare tra il tetto di casa e gli alberi del giardino.

Un gracchiare intenso, ripetuto (non si capisce se amoreggiano o battibeccano) ben più intenso e sgradevole di qualsiasi sveglia.

Report del 10 aprile 2011

La puntata di Report di ieri sera non mi è piaciuta. Il tema era "Il prodotto sei tu" e riguardava web e social network.

La puntata di Report non mi è piaciuta, ma è da tempo che Report non mi piace più. Il meccanismo è ormai sempre lo stesso: partire da una tesi (se ne scelga una a piacere) e costruire servizi, interviste e documenti a dimostrazione della tesi stessa. Non mi interessa se la tesi è vicina o meno alle mie opinioni, è il metodo che contesto.

E' un tipo di giornalismo che non mi piace ed il fatto che l'argomento della puntata di ieri fosse una materia che un po' conosco non ha fatto altro che darmi delle conferme che di "questo giornalismo" non c'è da fidarsi. Non è una bella cosa, la sensazione è molto sgradevole.